martedì 27 settembre 2011

Pubblicato da DanyRod in , ,



A volte mi chiedo per quale motivo sono nato in Argentina e non in Inghilterra, negli Stati Uniti o in Germania o Italia. Oggi non sarei un immigrato. Essendo nato in Argentina però mi rendo conto di essere un extracomunitario di classe A, anche se pur sempre un extracomunitario rimango. Potevo nascere anche in Africa, in Cina, o su un'isola perduta dove ancora credono che le stelle siano le lacrime di una non ben precisata divinità, e invece di venire in Italia su un aereo potevo finire i miei giorni nel Mediterraneo, in una delle "carrette di mare", o magari in una fossa comune.
Altre volte mi domando il motivo per cui sono nato in questo periodo di tempo, e non nella Preistoria, nel Medioevo o in un, per il momento, lontano futuro in stile Star Trek. Ogni volta che sento parlare dell'anno 2132 mi rendo conto che è off limits, che non ci sarò più per vedere come sarà il mondo in quel momento. Che strano però, a pensarci mi viene la pelle d'oca. Credo che la gente nata a fine Ottocento pensasse la stessa cosa quando si parlava dell'anno 2000.
Troppo spesso mi domando perché non sono nato ricco. Per quale motivo non ho anch'io un papi padrone di concessionarie che mi permetta di lavorare in una di esse, e in questo modo non avrei il timore di perdere il lavoro, e potrei spendere il mio tempo impicciandomi nelle vite altrui, criticando tutto e tutti.
Immagino che tutti quanti si facciano domande di questo genere. Oppure nessuno se le fa, e sono solo io che non so in quale altro modo spendere il mio tempo. Non sarebbe più facile ascoltare un po' di musica, uscire a camminare, guardare la tv, giocare a qualche videogioco? Non so voi, ma per me non lo è mai stato. Non capisco perché penso troppo, ma adesso che ci penso, già il fatto di pensare per cercare di capire i motivi per cui penso troppo è un pensiero di troppo.
Devo liberare la mente. Vado a lavare i piatti.






3 commenti:

  1. Lavare i piatti non ti libera la mente, è un lavoro manuale meccanico che ti lascia la testa libera per pensare ad altro... però i lavori manuali sono rilassanti per chi di solito tende a pensare troppo, io normalmente lo faccio stirando, che i piatti non li lavo (ho conquistato la lavastoviglie!!!!!!!) E comunque non pensi troppo, il pensiero di un cervello senziente è cosa buona e giusta.... peccato che di cervelli senzienti in giro ce ne siano pochini!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Sinceramente il modo migliore per me per liberare la mente è cucinare. Il problema è che se mi metto a cucinare qualcosa ogni volta che penso troppo, finirò per diventare un barile :-D mmmmmm adesso mi è venuta una voglia bastarda di plumcake... hahahahahaha

    RispondiElimina
  3. Aaaah è per questo che ieri mi hai fatto un fantastico pasticcio, oggi il puchero (si scrive così?) e domani chissà? Perchè hai troppi pensieri? Ma lo sai che sei sempre stato così vero? Che centra poco il tempo a disposizione. Stai sereno, le cose andranno bene e saremo felici. Anche perchè mi fai diventare un barile per davvero eh!!!
    Ti amo amore mio.

    RispondiElimina