martedì 22 marzo 2011

Pubblicato da DanyRod in , , , ,




Leggendo nel blog della mia cara Libby il post Lo strano caso del neurone impazzito, e vedendo come si mettevano le cose, mi è venuto di commentare quanto segue:
Io non sono un maschilista ma:
Uomo=Cane ; Donna=Gatto
Uomo=stupidotto ; Donna=Opportunista

Esperimento 1:
Mettete dieci uomini in una stanza, e dieci donne in un'altra stanza. Lasciateli per diversi giorni al chiuso e poi entrate in ciascuna stanza:
- in quella degli uomini di sicuro la maggioranza starà parlando di calcio, donne e macchine, in un ambiente quasi fraterno.
- in quella delle donne (se riuscite ad entrare), di sicuro saranno tutte a litigare per il più o il meno, accusandosi di questo o di quello.

Esperimento 2:
Mettete dieci uomini e dieci donne nella stessa stanza. Lasciateli al chiuso per diversi giorni e poi entrate nella stanza:
- ci sarà di sicuro un maschio dominante oppure più maschi dominanti a capo di diversi gruppi; - le donne istintivamente si avvicineranno a codesti o a chi potrebbe in futuro spodestarli;
- di sicuro degli uomini avranno litigato tra di loro, ma il motivo sarà sempre una o più donne, perché le volevano conquistare o perché loro li hanno messi l'uno contro l'altro per questione di dominio;
- le donne non litigheranno apertamente tra di loro, ma lo faranno attraverso i propri maschi; ma se lo facessero poi farebbero una finta pace, per poi dirsi di tutto e di più alle spalle;
- le donne che invece non hanno un maschio faranno le amicone con quelle che ce l'hanno per poi cercare di rubarglielo.
Non è essere maschilisti o femministi, perché penso sia il nostro comportamento naturale, scritto nel nostro DNA. Qualcuno di voi guarda il Grande Fratello? Anche se non so se questo programma possa essere considerato un laboratorio vivente.



mercoledì 9 marzo 2011

Pubblicato da DanyRod in , , , ,




Non tanto tempo fa, in una galassia vicina vicina... (Sottotitoli: In questo momento, in questo paese...)
Taaaaaaa tattaaaaa tataaaa ratataatttaa ratata ttàà....  taaataa ttuuuuààààà...

JOB WARS
Episodio I
Il colloquio fantasma

________________________________________________________________________

Sono tempi difficili per la Repubblica; i senatori discutono se sia lecito o meno dichiarare festa nazionale il 17 marzo, ma soprattutto se si deva lavorare o no, così come se concedere o meno l'immunità politica alle più alte cariche dello stato, mentre si fanno più insistenti i rumori di situazioni scottanti, che hanno come protagonista l'Alto Cavaliere della Repubblica, rumori che se si scoprissero veritieri metterebbero in pericolo la già fragile stabilità delle istituzioni repubblicane...
Intanto in un angolo sperduto del paese, un ragazzo, chiamato Dr. J, non ignaro di quanto sopra, cerca in ogni modo di non cedere al lato oscuro della Spigliatezza, cioè la Nullafacenza, inviando curriculum in ogni modo, accendendo candele e pregando tutti i santi, e partecipando infine a rituali propiziatori in onore degli dèi pagani protettori del lavoro.
Il caso ha deciso che Dr. J sia stato chiamato d'urgenza ieri dall'Agenzia, organizzazione che lotta per recuperare le anime in pena, corrotte dalla Nullafacenza, facendo loro ritrovare la Spigliatezza che fa parte di tutti noi. La convocazione era urgente, in quanto Aziendainteressata voleva conoscerlo, dopo essere venuta a conoscenza delle doti particolari di questo particolare ragazzo.
Per così prestigiosa convocazione, l'Agenzia aveva dato dei consigli a Dr. J: "Aziendainteressata è molto importante per l'Agenzia, per cui fatti la barba, togliti i piercing, copriti i tatuaggi, non fumare per almeno 24 ore, e vestiti bene bene bene, non come per andare a un matrimonio, ma quasi, e per finire, che la Spigliatezza sia con te..."
E' d'obbligo chiarire che Dr. J non fuma, non beve, non ha tatuaggi né porta i piercing; pecca però di avere l'incolta barba "trigiornaliera", che lo rende oltremodo affascinante, e anche di non possedere vestiti "non da matrimonio, ma quasi".
Risolto il problema dell'incolta barba "trigiornaliera", che non era poi così tanto problematico, Dr. J si era reso conto che il problema di non possedere vestiti "non da matrimonio ma quasi" era molto più difficile da risolvere. Preso dal panico e dall'angoscia di non riuscire a trovare qualcosa di adatto per l'occasione, ha chiesto aiuto alla sua amata Principessa Libby, e saliti sul Fiestaford, sono andati alla ricerca dell'abito mai comprato.
Dopo un lungo peregrinare, il giovane Dr. J e la sua amata Principessa Libby, sono riusciti a trovare dei pantaloni adatti. Risolto il problema della parte sotto, rimaneva il problema della parte sopra. Dr. J aveva avuto un'idea: ricercare nel cesto dei panni sporchi il maglione nuovo ed elegante, che aveva usato per la cena della compagnia il sabato precedente, e che sarebbe servito per coprire dal freddo il suo petto possente e dai pettorali marcati. Una volta trovato lo ha messo a lavare, e poi ad asciugare.
L'indomani il prode Dr. J si è recato nel Regno di Nullafacenza, oltre che per aiutare i propri colleghi a cancellare il giorno precedente dal calendario che tiene il conto dei giorni che mancano alla fine della loro permanenza lì, anche per chiedere il permesso di assenza necessario per partecipare alla riunione in Aziendainteressata.
Dopo avere espletato l'incarico quotidiano di riscaldatore di sedia e di lettore di blog altrui, Dr. J era già in prossimità della retta finale che lo avrebbe portato dal Regno di Nullafacenza all'appuntamento con Aziendainteressata, quando in quell'istante ha ricevuto una strana e inopportuna telefonata dall'Agenzia, che gli comunicava che la persona di Aziendainteressata, che era stata incaricata di riceverlo per constatare queste sue particolari doti in vista di un suo futuro ingresso nella loro fratellanza, era stata rapita da Stranamalattia, un miserabile che si nutre delle forze altrui, per cui l'appuntamento era da ritenersi sospeso fin quando quella persona non  fosse stata rilasciata da quell'infame individuo.
Il giovane Dr. J ha dovuto infine annullare la richiesta di permesso d'uscita da Regno di Nullafacenza, e ha accesso altre due candele a tutti i santi e a tutti gli dèi pagani protettori del lavoro, chiedendo la loro intercessione per il pronto rilascio della persona rapita da Stranamalattia.

FINE EPISODIO
 
Riusciranno i santi e gli dèi pagani protettori del lavoro, a convincere Stranamalattia a rilasciare la persona incaricata da Aziendainteressata, molto importante per l'Agenzia, così che il nostro caro eroe Dr. J possa sfruttare il permesso di uscita da Regno di Nullafacenza, chiesto alla futura ex capa, per essere ricevuto da lei per constatare le particolari doti di questo particolare ragazzo, e così poi valutare il suo ipotetico ingresso  nella fratellanza? Non perdetevi il prossimo episodio, su questo stesso blog, quando il post sarà pronto.
Piiiiippprriiii pprpririripppi rriripirprirrriiiiii prrriiirrriiii...pipiripi.....Taaaaaaa tattaaaaa tataaaara tataatttaa ratatattàà....  taaataa ttuuuuààààà...


giovedì 3 marzo 2011

Pubblicato da DanyRod in , , ,



Qualche tempo fa avevo scritto il post "Non piangere per me Dr. J", in cui descrivevo la punizione per chi si dimenticava di ordinare il pranzo. Anche oggi mi è successo qualcosa di simile, e ciò che è accaduto lo riassumo in questi versi:

Che bella giornata
con la pioggia ghiacciata,
prima nevicava
e Libby in chat imprecava.
La mattina era passata,
l'ora di pranzo era arrivata,
il mio turno era finito
ed ero alquanto avvilito.
Non avevo da mangiare
e mi dovevo arrangiare,
per riuscire a trovare
ciò che mi doveva sfamare.
Dr. J pazzerello
hai dimenticato l'ombrello,
la macchina era lontana,
la strada sembrava una fontana.
Timbrata l'uscita
la corsa è seguita,
la pioggia ha bagnato
il giubbino adorato.
La macchina era accesa,
la strada era in discesa,
sono andato subito al Griffone
"volando" come un aquilone.
Raggiunta la meta
dovevo fare in fretta,
Libby ho chiamato
e con lei ho parlato.
Le ho raccontato dov'ero
ma per lei non era un mistero,
il MondoMedia era vicino
e mi faceva l'occhiolino.
Lì dentro un giretto ho fatto,
ed i nuovi Mac ho guardato,
comprare uno nuovo sarebbe stato un gioco,
ma poi Libby alle mie carni avrebbe dato fuoco.
Dopo sono andato a vedere le scarpe,
ma di belle non ce n'erano tante,
l'orologio poi ho guardato,
era tardi, e me ne sono andato.
Nel supermercato sono entrato
e il tramezzino ho cercato,
la scelta della pepsi era obbligata,
la cassa più vicina era occupata.
A quella di fianco sono andato
e con tristezza ho riscontrato,
la cassiera si era fermata
e aveva fatto una telefonata.
Il prezzo delle mele non riconosceva
e il mio sconforto intanto cresceva,
l'orologio di nuovo ho guardato
e qualcuno a quel paese avrei mandato.
Era già molto tardi e avevo fretta,
ma dietro di me si era messa una vecchietta,
e allora ho detto a bassa voce:
la fila accanto è sempre più veloce.
Il nervosismo di tutti aumentava,
il prezzo delle mele non arrivava,
la cassiera lo scontrino ha annullato,
e quel signore ad aspettare è stato invitato.
Le signore davanti a me hanno pagato,
e poi il mio turno era arrivato,
sarebbe stato molto più bello
se non fosse arrivato il fruttivendolo monello.
Delle altre mele lui portava,
di tornare indietro mi si pregava,
il signore era tornato davanti,
le mele erano anche invitanti...
Purtroppo ero stato sconfitto,
lui ha pagato e poi è uscito.
Il mio turno era finalmente arrivato
e ho fatto mio il tramezzino agognato.
In fretta alla macchina sono andato,
e con velocità al lavoro sono tornato.
All'arrivo dove parcheggiare non ho trovato,
e senza volerlo ho anche bestemmiato!
Dopo un lungo giro ho trovato un posto,
e di non ripetere questa situazione mi sono imposto,
poi ho corso veloce come il vento
e per fortuna sono riuscito a timbrare in tempo.
Qui finisce questo poema brillante
che per alcuni potrebbe essere molto irritante,
ma di gesta come questa odierna
non preoccupatevi, Dr. J ne ha una caterva.
 

mercoledì 2 marzo 2011

Pubblicato da DanyRod in , , , ,



Oggi è il mio compleanno! :-D  28 anni!
Intanto condivido anche con voi la torta virtuale che mi ha fatto Libby. Più tardi, quando avrò un po' di tempo, riempirò questo post o ne farò uno nuovo, con dettagli/ricordi/propositi/comiche di questo giorno.
A dopo. :-)