martedì 8 febbraio 2011

Pubblicato da DanyRod in , , , ,




Quando ero piccolo mi domandavano sempre: Cosa vorresti fare da grande? A volte rispondevo: "Vorrei fare l'architetto come i miei zii.", oppure: "...lo scienziato pazzo come il Dr. Emmett Brown di Ritorno al Futuro."; un'occasione degna di nota è la volta che ho risposto: "Vorrei fare il parrucchiere", risposta che non era per niente piaciuta a mia mamma, che non ha perso l'occasione per farmi notare che "i parrucchieri sono tutti froci" (le mie scuse per aver riportato questa dimostrazione d'ignoranza). La maggioranza delle volte però rispondevo: "Vorrei fare il dottore"(1). Adesso, ai miei ventisette anni, mi domando: per quale motivo non lo sono diventato? Adesso avrei tanti di quei soldi. Che ingiusta la vita. Tutti dicono che la testa ce l'ho, ma non tutti si rendono conto quel che mi mancava era fatto di carta, con dei numeri stampati sopra delle immagini di certi stili architettonici.
Tralasciamo i sogni di gioventù e torniamo all'argomento del post precedente. Avevo scritto: non tutto il male viene per nuocere, eppure non tutto quel che brilla è oro, questo significa che anche se eravamo contenti di avere il medico di fronte a casa, l'unica pecca, per niente importante, quasi invisibile, anzi insignificante, era il fatto che questo medico riceve solo su appuntamento, e per fare una prenotazione bisogna chiamare un numero speciale, a tariffazione speciale!
Dicono sia ormai prassi normale, sempre più medici decidono di prestare la loro assistenza con questo sistema. Sembra una cosa bella... fin quando non ti svegli una mattina con la febbre, come è successo lo scorso ottobre, prima a me e poi a Libby, e per di più durante il fine settimana:



- Studio Medico XXX, buongiorno
- Salve, vorrei sapere se il dottore Pinco Pallino può visitare oggi mio marito. Da due giorni non si sente bene, adesso ha 39 di febbre e oggi non è andato a lavorare, per cui avrei bisogno anche del certificato di malattia da portare al lavoro.
- Mi dispiace signora, siamo al completo, fino a giovedì non ho posti liberi...
- Ma come è possibile? Come si fa adesso?
- Provo a parlare con il dottore, aspetti due minuti...



Poi:



- Signora, questo pomeriggio il dottore ha diverse visite a domicilio, mi ha detto che cercherà di fare il possibile per venire a visitare anche suo marito.
- Grazie, guardi che noi abitiamo di fronte allo Studio.
- E sì signora, ma ci sono molti ammalati in questo periodo...
- Va bene, aspettiamo...



Alla fine il dottore è riuscito a venire, sembrava simpatico anche.
Quando la settimana dopo Libby si era ammalata, il discorso è stato più o meno lo stesso, solo che lei ha dovuto aspettare i canonici giorni.
Venerdì sera mi sono accorto di avere una piccola infezione all'alluce sinistro, proprio alla base dell'unghia. Sabato sono andato in farmacia, ho preso un disinfettante ed una crema antibiotica cicatrizzante. Ieri, lunedì, mi ha fatto male durante tutto il giorno. Arrivato a casa controllo il dito, e la piccola infezione non è più così piccola, dal colore sembra stia "camminando". Libby mi convince a chiamare il dottore:



- Studio Medico XXX, buonasera
- Salve, vorrei sapere se il dottore Pinco Pallino può ricevermi. Da alcuni giorni ho un'infezione all'alluce, che sta peggiorando. Il dito mi fa molto male.
- Posso darle un appuntamento per giovedì mattina o venerdì sera (NdA: Siamo a lunedì)
- Mi scusi le sto dicendo che ho un infezione al piede, che è in peggioramento e devo aspettare fino a venerdì? (nervosismo in salita)
- Beh, lei ha detto che quest'infezione ce l'ha da diversi giorni, quindi può aspettare...
- Guardi che è da venerdì che sto così, e l'ambulatorio è chiuso durante il fine settimana, che faccio adesso? (nervosismo quasi in cima)
- Non posso fare niente, non ci sono posti liberi. Il dottore domani pomeriggio alle 17 risponde al telefono, se vuole può chiamare a quell'ora e provo a passarglielo così, magari gli può anticipare qualcosa del suo problema.
- Lasci stare, si fa prima a morire che a riuscire ad avere un appuntamento a un'ora decente. (Nervosismo in vetta)



E sto così da ieri, continuo con la crema cicatrizzante, e meditando se cambiare medico. A che mi serve averlo di fronte a casa se si fa prima a partorire che a riuscire nell'impresa di essere visitati? Preferisco un dottore a 10 km da casa, ma che abbia un orario in cui la gente può andare senza bisogno di prenotazione. Alla faccia del giuramento d'Ippocrate, e io che volevo fare il medico, chissà come sarei stato con i miei pazienti...?
NdA: (1) un vero dottore, Dr. J è solo un appellativo.

13 commenti:

  1. Eh si, il nostro simpatico medico ha una tecnica tutta sua per accudire i suoi pazienti. In pratica devi prenotare qualche giorno prima di avere male. Insomma devi prevedere di star male per poi essere visitato prima di morire. C'est la vie.... e se no c'est la mort!!!!

    RispondiElimina
  2. Come per molte cose ci vuole la sfera di cristallo per prevedere quando si starà male.Intanto che attendi di farti vedere da un medico, forse più che la crema cicatrizzante (cosa devi cicatrizzare?) sarebbe meglio una pomata antibiotica. Ciaooo!!!

    RispondiElimina
  3. Luna: la crema cicatrizzante che ho preso è anche antibiotica. Dopo diverse applicazioni stamani sembrava stesse un po' meglio. Spero guarisca presto, altrimenti dovrò dire addio al ballo... hehehhe

    RispondiElimina
  4. E come si dice: chi fa da sè fa per tre. Altro che dottore!!! p.s. non trovare scuse per il ballo eh!!! ahahah

    RispondiElimina
  5. Ecco brava Luna, che ogni scusa è buona per poltrire, che poi, mal che vada si taglia il dito e si balla lo stesso.... ahahhah!

    RispondiElimina
  6. Ma certo! tanto ne ha altre 4 di dita....:-))

    RispondiElimina
  7. Ma dico io com'è possibile dover prenotare anche dal medico di base? Insomma pare che noi pazienti andiamo dal dottore tanto per divertirci. Eppoi è assurdo soprattutto per il discorso del certificato per il lavoro, cavoli bisogna presentarlo al max dopo 48 ore ed il dottore ti visita dopo 3 giorni? si può dire vergognoso? si può si!!! Che schifo!!! Pensare che la mutua passa al dottore un tot di soldi a paziente....questo diventa ricco a scapito del servizio che deve dare al paziente!!!!

    RispondiElimina
  8. Merendina, per questo rimpiangevo il fatto che non sono diventato medico: hai soldi sicuri, anche se la coscienza non mi avrebbe permesso di comportarmi in questo modo o di diventare ricco sfruttando i mali altrui, e poi è assurdo...

    RispondiElimina
  9. Dr.J l'infezione al dito ti sarà venuta per colpa della "Zecca" sei stato imprudente a scoparti una roba del genere,lo sai che quel tipo di bestie portano solo malattie ed infezioni,spero che tu abbia almeno usato il preservativo,altrimenti l'infezione la passerai ad altre persone con cui condividi il letto.

    RispondiElimina
  10. Ma che simpatia sto Anonimo.... perchè non ci spieghi meglio di che parli? Così tanto per rendere tutti partecipi!!!

    RispondiElimina
  11. http://libbytravoi.blogspot.com/2011/01/piccole-vendette-suon-di-gomitate.htmlAggiungo altro?

    RispondiElimina
  12. Ahahahaah... caro anonimo, questo blog non è di mio marito legale!!! Mio marito legale (ormai ex da 4 anni) ha la sua vita e la sua storia... e il fatto che io ancora sia incarognita per questa persona, è perchè oltre ad essersi intrufolata tra le lenzuola del mio letto coniugale, ha fatto tanto del male a me e a molte altre persone. Quindi credo tu debba delle scuse al padrone del blog!

    RispondiElimina
  13. Grazie caro Anonimo, devi tenere conto però che io, Dr J, non sono il marito di cui Libby parla in quel post, quello è il suo ex marito. Io sono arrivato da Libby diversi anni dopo che si sono separati.

    RispondiElimina